Covid, sale il contagio ma Malta parla ancora di caccia

Oggi, 19 nuovi contagi hanno portato il bilancio dei casi maltesi a 188. Eppure, qui si continua a discutere della possibilità di aprire la stagione venatoria primaverile, per la quale Malta ha una deroga alla direttiva Ue per poter cacciare quaglie e tortore.

 Immagine di un cacciatore dal sito di BirdLife Malta.

Il commento dell’ong maltese BirdLife è arrivato ieri puntuale. “Qualsiasi decisione del primo ministro Robert Abela che possa implicare l’apertura della stagione della caccia nella primavera di quest’anno sarebbe l’atto più irresponsabile di sempre”, ha dichiarato Mark Sultana, il numero uno dell’organizzazione, che ha sottolineato come alla gente comune venga richiesto di rimanere a casa a causa della minaccia globale rappresentata dal virus.

BirdLife ricorda che la deroga al divieto dell’UE di cacciare in primavera costringe Malta a disporre di sette agenti ogni 1.000 cacciatori. Qualcosa che in questo momento è impraticabile, visto che le forze dell’ordine sono impegnate in attività legate alla crisi coronavirus. “Non solo sarebbe impossibile per la polizia far rispettare la legge, ma si tratterebbe anche di una palese mancanza di responsabilità da parte del governo se la stagione dovesse essere aperta ora “.

Il video di ieri sulla questione caccia

E in effetti sembra piuttosto folle consentire a persone armate di stare in giro per il paese nel momento in cui c’è un’emergenza simile. Tanto più che è sconsigliato all’anziano di fare la sua salutare passeggiata quotidiana ma si consentirebbe ai cacciatori una deroga al fine di sparare agli uccelli che, soprattutto in questo caso, non è un’attività né utile né salutare.

A qualche italiano verrà sicuramente in mente la vignetta di Vauro in occasione del referendum sulla caccia del 1990, che in questo caso sembra particolarmente pertinente._

Per vedere tutti gli aggiornamenti video cliccare qui

Altri articoli sul covid-19 a Malta:
Domenica 29 marzo Covid, dal MaltaToday un appello all’unità della politica
Sabato 28 marzo Omaggio alla dottoressa Charmaine Gauci
Mercoledì 25 marzo Gauci, colei che guarda in faccia l’epidemia maltese
Domenica 22 marzo Le frasi chiave del Covid-19 a Malta
Mercoledì 18 marzo Codvid-19, i contagi sfiorano i 50 casi, da sabato Malta chiude agli arrivi
Sabato 14 marzo Abela delude, si amplia il fronte delle Cassandre inascoltate
Giovedì 12 marzo Covid-19, nuove misure, quotidiano italiano lancia petizione
Mercoledì 11 marzo Sembra di stare sempre un passo dietro al virus
Martedì 10 marzo I provvedimenti di Abela sembrano quelli di Conte tre settimane fa
Martedì 10 marzo Coronavirus, Malta sospende viaggi aerei e marittimi per Italia
Domenica 8 marzo Coronavirus, dissenso in seno al governo maltese
Sabato 7 marzo Covid-19, primi casi a Malta, dopo la bambina anche i genitori
Sabato 7 marzo Italiani a Malta ai tempi del Covid-19
Martedì 3 marzo Coronavirus a Malta? Non “se”, ma “quando”
Mercoledì 26 febbraio Coronavirus, Malta adotta misure aggiuntive
Lunedì 24 febbraio Coronavirus, Malta prende provvedimenti

2 risposte a “Covid, sale il contagio ma Malta parla ancora di caccia

  1. Illustrissimi ma perché niente lock down? Qui così non si finisce più! E’ ormai chiaro a tutti che il virus si annienta solo senza contatti tra umani che attualmente girano liberi e legittimati per Malta. L’unica via per almeno riaprire negozi ristoranti internamente all’isola è’ tornare quanto prima a contagio 0. Se tutte le altre nazioni lo fanno epideologicamente ci sarà un perché ! Grazie dell’ascolto . Tanto Vi dovevo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *