Un papiro in cabina, il voto singolo trasferibile

I risultati del voto per il rinnovo del Parlamento europeo hanno confermato l’infatuazione dei maltesi per i laburisti di Muscat, ma con un margine ristretto rispetto a quanto si era creduto all’inizio dello spoglio. I laburisti conquistano comunque il 54,3% dei voti e quattro scranni al Parlamento europeo, contro il 37,9% e i due seggi dei nazionalisti.

Dopo una campagna elettorale segnata da sfottò e negative campainging e da deviazioni fuori tema, è avvenuto il temuto rialzo del partito dichiaratamente razzista e anti-disabili Imperium Europa, che con il 3,2% diventa il terzo partito maltese. I verdi di Alternattiva Demokratika non raggiungono neanche l’1%, mentre il Partit Demokratiku, nato nel 2016 da una defezione dai laburisti, supera il 2%.

 Sedia vuota su un tetto di Kalkara

Gli elettori maltesi sono andati al voto per le europee 2019 sabato 25 maggio e in cabina elettorale, dal 1920, devono destreggiarsi con la scheda-papiro imposta dal sistema elettorale del voto singolo trasferibile, un sistema il cui utilizzo nel mondo è piuttosto limitato. È adottato da alcune organizzazioni professionali, in alcune elezioni locali Usa e, non uniformemente, in Australia. Ci sono però solo due Paesi che lo usano per eleggere le proprie legislature nazionali, e sono due Paesi Ue: Malta e Irlanda.

 Scheda elettorale maltese per le legislative del 2014, fonte kai-friederike

Il voto singolo trasferibile garantisce la proporzionalità del sistema. Gli elettori classificano i candidati in ordine di preferenza. Di lato al nome del preferito verrà scritto il numero 1, il secondo in ordine di preferenza avrà il 2 e così via, fino a che ne avranno voglia. Possono fermarsi a uno o completare la loro classifica. Per essere eletto, il candidato X deve raggiungere un minimo numero di voti, la quota. Quelli in eccedenza vengono poi distribuiti fra gli altri candidati a seconda delle seconde preferenze indicate nelle schede con il candidato X designato come numero uno. Il trasferimento dei voti prosegue fino a riempire tutti i seggi vacanti.

I maltesi garantiscono che è sufficiente avere le idee chiare fin dall’inizio per non passare la giornata in cabina. Inoltre, per chi non ce la dovesse proprio fare o non avesse voglia di stilare graduatorie, basta esprimere anche una sola preferenza._

 

Leggi anche:

Sul consumo energetico maltese Malta come metafora: la stanza dello scirocco
Sullo spazio espositivo nel cuore della Valletta Blitz, i fantasmi dei turchi e quelli dell’immaginario
Sulla partita Spagna-Malta conclusa 12-1 È di Malta il miglior amico della Spagna